La riscoperta

Molti anni piú tardi gli Estensi riscoprirono l’aceto balsamico che divenne una costante presenza sulle tavole piú nobili del piccolo ducato.


Nei secoli diciottesimo e diciannovesimo batterie di aceto balsamico comparivano invariabilmente tra i beni che le fanciulle delle famiglie piú ricche e nobili dei domini estensi portavano in dote.


L’ aceto balsamico é quindi da sempre un prodotto raffinato ed esclusivo, usato, per la sua unicitá e valore, dalle famiglie piú illustri come dono prezioso.

Un’ antica mappa del ducato di Modena Reggio e Carpi